Lotta alla Zoo Mafia

N.O.I.T.A. ha l'obiettivo di valutare, denunciare e contrastare i crimini a danno di qualsiasi animale, perpetrati dalla criminalità organizzata o da singoli soggetti. Tra le attività illecite più diffuse, soprattutto nelle regioni del sud Italia, abbiamo il traffico di cuccioli provenienti dall'Est Europa, il bracconaggio, le corse clandestine di cavalli, i combattimenti tra cani e il bracconaggio.

Il numero degli animali coinvolti nel nostro paese è veramente allarmante. Si tratta infatti di migliaia di animali nelle mani di veri e propri "criminali" che li utilizzano per avere un alto ritorno economico e per motivi legati anche al controllo sociale e di dominio territoriale. Questi criminali agiscono da soli o appartengono a "clan camorristici" o a vere e proprie "cosche mafiose".

Questo tipo di attività, particolarmente delicata, è seguita in via esclusiva dall'ufficio di Presidenza Nazionale, affiancato dal responsabile dell'ufficio legale dell'associazione. Tutte le prove e denunce raccolte dai cittadini, vengono trasmesse nel più breve tempo possibile agli organi di Polizia Giudiziaria, affinchè si possa intervenire per reprimere gli illeciti o evitare che possano essere portati ad ulteriori conseguenze.

La nostra è una sfida per la legalità e per tutelare gli animali.
Da giugno 2015, la Prefettura di Trapani ha disposto un servizio di tutela e vigilanza presso l'abitazione di Enrico Rizzi, Presidente Nazionale del NOITA, a causa delle minacce e ritorsioni subite per la lotta alla zoomafia.